ultimo numero-



numero 1 e 2 2020

 

NUMERO 2 2020
Arca_Notizie_2_2020-stampa.pdf
 

In questo numero riportiamo diversi temi,

Un primo articolo, proposto per la festa di San Giovanni da Margalida, usa il fiume Giordano come una metafora dell'Arca,  con il Battista (arcadi) che aiuta ad immergersi nelle acque del fiume per cambiare il modo di vedere il mondo.

Giancarlo Bruni riflette sul ruolo della comunità come sfida al  presente.

Dalla Spagna riproponiamo un bel articolo che ripercorre gli ultimi venti anni dell'Arca.

Daniel Vigne ci propone un breve incitamento a ricercare nei testi di Lanza del Vasto la strada per contrastare questo triste periodo.

Un breve allegoria sul Covid-19 ci vien proposta per riflettere sulla situazione dell'oggi da Tonino Drago.

Completa il numero il racconto di Beppe che ripercorre alcune tappe della sua vita.

Si ringraziano Tonino, Laura per i testi proposti e le traduzioni.


numero 1 2020 numero_1_2020.pdf

Carissimi,

pur con lentezza e in palese ritardo pubblichiamo il primo numero del 2020 che riguarda il periodo gennaio - giugno.

Iniziamo con un testo di suor Olivia che, all'inizio della pandemia da Covid-19, propone il tema della speranza come conduttore della quaresima e della vita.

Il cappellano Miquel-Àngel Ferrés, di Girona, propone una riflessione tra le conseguenze del Covid e la testimonianza di tanti che hanno aiutato e soccorso i più deboli in questa dolorosa quaresima che ha caratterizzato tutto l'anno..

Ad affrontare il tema della comunicazione è stato dedicato il primo numero della Nouvelles de l’Arche 2020. Grazie a Laura possiamo leggere tre articoli. Il primo sul comunicare in ambito anglofono, il secondo sul presentare l'esperienza di la Borie, il terzo riflette sulla jaijagat 2020 movimento per la giustizia e la pace.

Si segnala il sito in italiano https://www.jaijagat.it. di jaijagat 2020

Il numero si chiude con l'intervista a Antonio Drago che presenta il libro "La nonviolenza come riforma della religiosità cristiana" appena pubblicato.


numero 1 2019

Presentazione del numero
Questo numero, che esce con notevole ritardo, riporta riflessioni precedenti al  Capitolo 2019 e si suddivide in 5 articoli.
Il primo  contributo è di Annibale Raineri che riflette sulla resistenza delle donne alle ingiustizie, prendendo spunto dai tristi eventi accaduti durante il governo della  Lega  e del Movimento 5 Stelle a proposito dei  migranti naufraghi.
Il secondo contributo è il racconto del viaggio a Riace di Enzo e Maria Loredana e Pietro per sostenere la nascita della fondazione "è stato il vento".
Il  terzo articolo è di Enzo Sanfilippo che riflette su un segno storico dell'Arca, la croce di Lanza del Vasto, sul suo significato e i vari aspetti che si  annidano nel simbolo stesso.
Antonino Drago ripropone un estratto dal volume che raccoglie riflessioni sull'Arte e Lanza del Vasto uno dei temi più cari a Lanza stesso.
Antonino Drago propone anche una riflessione sul ruolo del lavoro nella nostra società e della distanza che intercorre tra la  sopravvivenza e il rapporto con l'ambiente naturale.
Il numero si chiude con la preghiera di  Taizé ispirata  ad  una  preghiera  di Lanza  del  Vasto  in  morte  di  Gandhi


numero 1 2019




Il  numero 2 del 2018
di ArcaNotizie porta notizie e riflessioni dalla vita della nostra piccola comunità italiana e riflessi di quella internazionale.

Iniziamo con l’intervento Margalida Reus per l’apertura del convegno annuale del Centro Studi Sereno Regis di Torino (http://serenoregis.org). Il convegno si e’ tenuto il primo fine settimana di ottobre negli splendidi e centralissimi locali del centro stesso. La presenza a Torino della nostra responsabile internazionale e’ stata anche occasione per un incontro di impegnati ed amici italiani con Margalida. Occasione preziosa di scambio amicizia ed arricchimento reciproco. Stimolo verso il Capitolo della comunità, estate prossima in Francia.

Continuiamo con un contributo di Annibale Raineri, infaticabile animatore della Fraternità della Tre Finestre. Una riflessione stimolante e argomentata verso il capitolo della Comunità dell’Arca.
Fedele allo spirito originale del responsabile dell’Arca Margalida ha intrapreso parecchi viaggi, si e’ fatta pellegrina per l’unita’. Di seguito trovate il suo resoconto, ricco di foto e di umanita’, del viaggio in Brasile. Annibale interrogato da questa relazione condivide una puntuale riflessione e una raccomandazione, in vista del Capitolo Generale.

Al convegno di Torino hanno portato la loro esperienza i volontari dell’Operazione Colomba (https://www.operazionecolomba.it), il corpo nonviolento di pace della Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII. La fraternità delle Tre Finestre sta sviluppando collaborazioni e relazioni con le persone di Operazione Colomba, Enzo Santifilippo ci fa partecipi di queste esperienze e delle riflessioni che suscitano, richiamandoci alla straordinaria attualità e continuità di Operazione Colomba con la tradizione nonviolenta delle azioni intraprese da Gandhi e Lanza del Vasto.
Inoltre la presenza dei volontari dell’Operazione Colomba nei campi profughi che raccolgono famiglie in fuga dalla Siria e’ stata occasione per raccogliere la proposta di pace per la Siria dei profughi siriani (https://www.operazionecolomba.it/noisiriani/). A tale proposta la comunità italiana dell’Arca  ha aderito nei mesi e scorsi, questi giorni la responsabile internazionale ha comunicato l’adesione dell’Arca tutta con queste parole:
“La Comunità dell'Arca, nonviolenza e spiritualità, aderisce e sostiene la proposta di pace per la Siria in tutti i punti di questa enunciati.
Si impegna a rendere noto questo appello nei suoi gruppi e nei siti web.
Ringrazia inoltre i membri di Operazione Colomba per il loro lavoro per la pace”.

L'attualità non smette di stimolarci e la Fraternità delle Tre Finestre si e’ sentita interpellata dalla vicenda di Riace, ha scritto una lettera di solidarietà al sindaco Domenico Lucano e Maria Albanese e Enzo Santifilippo, si sono recato a Riace per fare esperienza diretta della situazione. Trovate nelle pagine seguenti sia la lettera di solidarietà che le note a proposito della visita che si e’ svolta il 20 ottobre.

Chiudiamo il numero con 2 traduzioni dal notiziario francese, entrambe trattano di esperienze di incontro con la comunità mussulmana. La ricchezza dell'incontro nelle differenze e’ sempre più un valore da difendere con tenacia. I testi che Laura Lanza ha tradotto per noi ci incoraggiano.

Prima di lasciarvi alle lettura riprendiamo con piacere le note di Anna Pinto sulle attivita’ di promozione della nonviolenza svolte a fine settembre “Anche quest’anno 2018 ho deciso di organizzare alcune giornate per ricordare Lanza del Vasto, nel suo paese natale, San Vito dei Normanni, ma più in generale per parlare della non violenza. Con il sostegno, l’aiuto e la grande preparazione di Valentina Rocchi, dottoressa laureata in scienze per la pace, fedele e intima amica dell’Arca, abbiamo potuto fare un percorso di incontri sulla nonviolenza in alcune classi del liceo. Laura Lanza ha incontrato i giovanissimi per raccontare piuttosto della figura di Lanza del Vasto e storie a lui connesse. E’ importante, infatti, per noi parlare ai giovani e per i giovani. A conclusione delle due giornate nelle scuole un incontro aperto al pubblico tenuto dal professore Louis Campana - "80 années après la visite de Lanza del Vasto à Gandhi, actualisons l'évènement!” - ha avuto luogo nel Chiostro dei Domenicani a San Vito dei Normanni. Il sostegno, anche economico, del comune di San Vito è stato fondamentale”.

        buona lettura



notizie n 2 2018